L’Italia censura The Pirate Bay

L’accesso al sito The Pirate Bay è stato bloccato dall’Italia per un’indagine della Procura della Repubblica di Palermo (via Punto-Informatico).

La notizia mi pare di una gravità inaudita.
Si punisce non un’azione illegale, ma soltanto l’accesso a siti che potenzialmente possono favorire azioni illegali. Per giunta questi siti sono all’estero e, quindi, soggetti alla legislazione straniera, legislazione con la quale stanno già combattendo la loro battaglia.

Per difendere il diritto d’autore si usano le stesse armi usate per la pedopornografia, due cose che, a mio parere, sono di gravità completamente diversa.
Se il sistema passa per legittimo, ci vorrà poco per estenderlo a tutti i siti potenzialmente scomodi (come avviene, ad esempio, in Cina…).

Per chi può accedervi, pare che sulla pagina principale del sito The Pirate Bay sia ora pubblicato un link ad un’articolo nel quale i gestori del sito stesso parlano dell’episodio e della situazione politica italiana. Lettura interessante e nella quale si usa spesso la parola “fascismo“.

Ovviamente, come in passato per i siti di pedopornografia, anche questo blocco è aggirabile in maniera semplicissima. D’altra parte, adottando sistemi come OpenDNS si risolvono alla radice problemi di questo tipo.

1 Commento a “L’Italia censura The Pirate Bay”

  1. Settoblo » Blog Archive » Diritti nella rete scrive:

    […] citata due post più sotto, c’è anche la questione di ThePiratebay, citata qualche post più indietro. Oggi il tribunale di Bergamo nella prima udienza al riguardo ha accolto la richiesta di […]


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi