Tasso alcolico

L’idea di abbassare ulteriormente il limite del tasso alcolico è come mettere un limite dei 50 km all’ora su una strada dove la gente si schianta ai 130 km all’ora: inutile, inefficace e odioso.

La soluzione non è abbassare i limiti, ma farli rispettare.

8 Commenti a “Tasso alcolico”

  1. jeby scrive:

    Ok farli rispettare, ma io sono totalmente a favore del “Tasso 0”.

    Questo perché per molti il passaggio da “ma sì una birra posso berla” a quello che poi si rivela una guida in stato di ebbrezza è troppo frequente.
    In questo caso non ci sarebbe nemmeno spazio a contenziosi che lasciano il tempo che trovano.

    Purtroppo, però, tempo in un risvolto di propaganda più che di vero impegno, i lavori da effettuare per migliorare la sicurezza stradale sono ancora tantissimi e questo è solo uno degli aspetti.

  2. settolo scrive:

    Io invece non sono assolutamente per il tasso 0.

    In Italia si è sempre saputo bere con moderazione un bicchiere di vino ai pasti e poi tornare a casa al volante senza alcun problema.
    redo che si debba punire chi beve per sballarsi e poi se ne frega e guida ugualmente, non chi va a pranzo con la famiglia e beve appena qualcosa.

  3. jeby scrive:

    Purtroppo la situazione non è così rosea come dici tu, vedi dati inquietanti sull’alcolismo in Italia. Inoltre chi ha bevuto in famiglia invece che per “sballarsi” non è che è più bravo a guidare, è sempre sotto l’effetto dell’alcol.

    L’unico parametro scientifico è il tasso, se lo si fissa a 0 o 0.02 o quel che è secondo me è meglio per tutti. Significherà qualche rinuncia per alcuni, ma anche molti meno morti ammazzati.
    Poi in altri paesi d’Europa è già così.

    L’unica cosa: che si vada fino in fondo e con coerenza, per una volta.

  4. settolo scrive:

    I dati sull’alcolismo in Italia non sono così rosei perché molta gente beve per sballarsi e guida quando non è in grado di farlo.

    Ritengo (ma questa è un’opinione personalissima) che chi ha bevuto moderatamente “in famiglia” non sia più bravo a guidare di chi non ha bevuto nulla, ma semplicemente che sia in grado di farlo.

    In altri paesi d’Europa è così da molto per un motivo semplicissimo: nessuno si beve una birra, ma tutti ne bevono decisamente di più o non bevono per niente.

  5. Enri scrive:

    Beh io sono super a favore del tasso 0. Conosco ragazzi austriaci e da loro è così da parecchio tempo e sono abituati al fatto che, se toccano un goccio di alcol lasciano la macchina dove si trova e tornano a piedi o in taxi. Io stesso di sera esco a piedi perchè secondo me non conviene rischiare, le pene sono assai severe. E poi come dice jeby lo 0,5 lascia quella strana ambiguità, bevo, non bevo, ma si bevo una birra… e poi finisci con un long island in discoteca alle 2, tanto ormai… almeno con lo 0 non si rischia nemmeno di caderci in tentazione e se qualcuno ci cade lo stesso… è un bel pirla…

  6. ulla scrive:

    certo,
    la maggioranza degli incidenti stradali avvengono intorno alle 1800 e la percentuale degli incidenti morti dvovuti a tasso alcoolico eccessivo sono il 3 %.

  7. Tommaso scrive:

    Sono favorevole pure io di ridurre il tasso a 0, in quanto ho appena letto che: sono 215 le vite salvate e 5187 inicidenti in meno nei primi 8 mesi della nuova legge antialcol (in vigore da ottobre 2007), rispetto allo stesso periodo dell’anno prima. (dal settimanale Oggi).
    Bisognerebbe che il ragionamento se bevo non guido, venisse automatico e questo avverrà solo con il tempo.
    Perchè se è anche vero che un bicchiere di vino a pranzo/cena fà bene anche alla salute è verò anche che non tutti sanno qualè il proprio limite o non riescono a capire che se devi guidare non devi bere.
    -Tom-

  8. settolo scrive:

    non tutti capiscono il proprio limite, e infatti il limite è imposto per legge.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi