Villari

giovedì 20 novembre 2008

La storia di Villari alla vigilanza RAI ha del comico. Per la verità è poco edificante anche tutto il resto della storia della vigilanza RAI, cioè anche prima che entrasse in scena lui.

Ho sempre pensato che non valesse la pena spenderci parole, ma oggi ho cambiato idea. C’è una cosa che non mi va giù. Qualche giorno fa Villari aveva detto: “Ho preso questa decisione, spero di riuscire a spiegarla al mio partito. Penso di non essere il problema, ma la soluzione. Se si trova un’altra soluzione condivisa, allora io non ho nessun problema”. Ora che la soluzione condivisa è stata trovata (Zavoli), lui si rifiuta di dimettersi.
Se fino a ieri tutto sommato mi stava simpatico, la scelta di oggi mi sembra scorretta.

Forse ha ragione Bracconi: alla fine sarà proprio Berlusconi a farlo dimettere, ed è molto triste.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi