La decadenza di Berlusconi e l’arbitro di calcio

sabato 5 ottobre 2013

berlusconi

Qualche sera fa ascoltavo, mio malgrado, Capezzone parlare della decadenza di Berlusconi, usando una ottima metafora calcistica.

Sosteneva, semplificando, qualcosa tipo che la decadenza di Berlusconi fosse sbagliata così come sarebbe sbagliato che un arbitro di calcio espellesse un attaccante solo perché fa troppi gol. E che tutti ci stupiremmo e ci scandalizzeremmo di un arbitro che facesse una cosa del genere.

Metafora molto appropriata e utilissima per rispondere a quelli che pensano che la decadenza di Berlusconi sia sbagliata e provare a convincerli del contrario.

Tutti considererebbero del tutto normale, anzi giusto, espellere o squalificare un attaccante che insulta gli avversari, insulta l’arbitro, commette falli gravi, assume doping, o altro. Indipendentemente da quanti gol fa o da quanto è importante per la sua squadra e i suoi tifosi.

Appunto.

Sanremo e politica

domenica 20 febbraio 2011

Roberto Vecchioni, con la sua canzone che parla di operai e scuola; i Modà con Emma, loro nuovo fenomeno commerciale e lei uscita dalla trasmissione Amici di Maria De Filippi; Al Bano, il cantante tradizionale che fa contente le famiglie.

In sintesi, diciamo pure la sinistra, la destra e il terzo polo.

Col televoto, sistema di voto molto discusso e al quale è abituato soprattutto il pubblico giovane che segue programmi come X-Factor e Amici, ha vinto Vecchioni, la sinistra. Per quel che mi riguarda, vale di più di qualsiasi sondaggio.

Gran brutto segno per Berlusconi.

Scusate se si fa satira (*)

venerdì 19 novembre 2010

Video spettacolare sulle dimissioni di Berlusoni. Dichiaratamente satirico.

(*) titolo copiato da Gilioli, che nel suo post osserva molto acutamente come oggi ci si senta in dovere di scusarsi persino se si sa satira.

Pedaggio a Ferrara Sud

domenica 4 luglio 2010

Con decreto legge, visto che era “urgentissimo”, si è stabilito che all’entrata e all’uscita dei caselli che danno su raccordi gestiti dall’ANAS, come è il caso di Ferrara Sud, si applichi un aumento forfettario di 1,00 EUR (per le auto), con le modalità descritte qui. Questo in attesa che vengano costruiti i caselli lungo il raccordo stesso.

Nel caso specifico di Ferrara Sud, invece di far pagare il pedaggio lungo il raccordo Ferrara-Lidi a chi effettivamente la percorre, si vanno a punire soprattutto i pendolari che, come me, tutti i giorni fanno il tratto Ferrara Sud – Bologna, senza fare neppure un km del raccordo.

Tradotto, andrò a pagare qualcosa come 250,00 EUR in più all’anno per un servizio del quale non usufruisco, mentre la maggioranza di quelli che ne usufruiscono potranno tranquillamente continuare ad andare al mare partendo da Ferrara, senza passare dal casello e senza pagare una lira (o un euro). Non si può accettare.

Già Ferrara offre poco o nulla dal punto di vista professionale, poi chi sceglie comunque di abitare in questa città anche se non può lavorarci viene vessato in questa maniera.

Non è difficile trovare soluzioni alternative. Ecco alcuni esempi:

  • Chi ha la residenza nel comune di Ferrara e in altri comuni serviti dal casello Ferrara Sud può presentare un permesso per evitare di pagare l’euro aggiuntivo; realizzabile immediatamente.
  • Fare un unico casello ad esempio subito dopo Gualdo per prendere il pedaggio solo a chi effettivamente utilizza la strada.
  • Utilizzare il metodo dell’adesivo sul parabrezza, come in Svizzera, Austria, etc. per riscutere il pedaggio senza dover spendere per costruire e far funzionare il casello.
  • Riscuotere l’euro aggiuntivo (o anche di più per compensare) solo nel fine settimana, per non punire gli spostamenti di lavoro.

Dicono che non mettono le mani in tasca agli Italiani, ma permettono all’ANAS di sfilare dalle mie tasche circa 250,00 in un anno. E non sono soldi che vanno per il miglioramento del servizio, ma vanno a coprire i tagli di fondi che lo Stato passa all’ANAS stessa.

Fortunatamente, qualcosa si muove per organizzarsi contro questa assurdità: il forum FeSudNoTax. C’è anche un gruppo su Facebook per cercare di diffondere il più possibile la protesta.

Ciampi, Berlusconi e Napolitano

domenica 21 marzo 2010

Su Il Fatto Quotidiano è apparso qualche giorno fa un articolo nel quale Scalfari racconta dei rapporti tra Berlusconi e Ciampi quando quest’ultimo era Presidente della Repubblica. Il messaggio a Napolitano, perché anche lui prenda più coraggio e si rifiuti di firmare leggi assurde, è chiarissimo.

Avevo sentito uno stralcio dell’articolo durante la rassegna stampa del mattino su Radio3, ma poi ho visto (via ilsenzatetto) che è stato pubblicato integralmente sul blog de Il Fatto Quotidiano.
Ne riporto uno stralcio, ma invito a leggerlo integralmente, perché oltre ad un richiamo a Napolitano c’è anche un ulteriore approfondimento della figura di Berlusconi e del suo modo di trattare con gli altri.

Lo stralcio riguarda la legge Gasparri.

E cosa succede al Quirinale? Qui il ritratto tratteggiato a quattro mani da Scalfari e da Ciampi resta in equilibrio sospeso fra la farsa e il dramma: “La colazione era da poco iniziata – racconta ancora Scalfari – quando Ciampi informò il suo ospite del suo proposito di rinviare la legge alle Camere, come la Costituzione lo autorizza a fare motivando le ragioni del rinvio e i punti della legge da modificare. Berlusconi non si aspettava quel rinvio. Si alzò con impeto e alzò la voce dicendo che quella era una vera e propria pugnalata alla schiena. Ciampi (così il suo racconto) restò seduto continuando a mangiare ma ripeté che avrebbe rinviato la legge al Parlamento. L’altro gli gridò che la legge sarebbe stata comunque approvata tal quale e rinviata al Quirinale”. Le battute del premier sono feroci: “Ti rendi conto che tu stai danneggiando Mediaset e che Mediaset è una cosa mia? Tu stai danneggiando una cosa mia”. La risposta di Ciampi non è da meno: “Questo che hai appena detto è molto grave. Stai confessando che Mediaset è cosa tua, cioè stai sottolineando a me un conflitto di interessi plateale. Se avessi avuto un dubbio a rinviare la legge, adesso ne ho addirittura l’obbligo”. Conclusione di Berlusconi: “Allora tra noi sarà guerra e sei tu che l’hai voluta. Non metterò più piede in questo Palazzo”.

Manifestazione PdL

domenica 21 marzo 2010

A proposito del milione di persone di cui hanno parlato ai TG, queste sono le foto scattate dal balcone del vicino di casa di Gilioli de L’Espresso. Lui dice, tra l’altro, che sono state scattate alle 17.40, proprio durante il discorso di Berlusconi.

Sul suo post al riguardo, anche un impietoso confronto con la folla del concerto del primo Maggio.

E cosa dire dei “Tarocchi d’Italia”, dove il volto della Giustizia taroccata è quello di Paolo Borsellino?

Segnalazioni da Gilioli

martedì 29 dicembre 2009

Ormai da tempo, ma soprattutto ora sotto le feste, sono diventato più lettore che scrittore.
Segnalo, quindi, due post di Alessandro Gilioli sul suo blog (Piovono Rane).

Il primo è la prova d’amore, che analizza il passaggio alla politica dei sentimenti. Ecco uno stralcio:

Non c’è più un uomo politico alle prese con dei processi e che, come ogni altro cittadino, ha il diritto-dovere di difendersi nei processi. C’è un uomo buono – vittima delle persecuzioni dei giudici e dei violenti a parole o a statuette – che vorrebbe amarci tutti, e ci chiede in cambio solo una piccola prova d’amore (la legge sul legittimo impedimento, NdSettolo), e se non gliela diamo vuol dire che l’odiamo.

Il secondo è tutti pronti per San Bettino martire, che anticipa la polemica degli ultimi giorni riguardo a cosa ci aspetta per il decennale della morte di Craxi (si parla di intitolare una strada e altre cose, ma tutti tranne Di Pietro dimenticano che era condannato e latitante, nonché l’enormità dei fatti per i quali era stato condannato). Lo stralcio:

Magari anche a ricordargli cos’è stata la politica secondo Bettino e i suoi: un intrico di affari e di scambi, di miliardi nascosti all’estero, di ricatti e di minacce, di clientele diffuse e di clanismo sistematico, di occupazione militare dei giornali e delle tivù, di distruzione delle regole e del senso civile per l’appropriazione privata dei gangli del potere.

Il Primo Ministro non è eletto dal popolo

domenica 11 ottobre 2009

La cosa che più mi aveva stupido delle esternazioni di Berlusconi dopo la bocciatura del Lodo Alfano era la sua pretesa di essere eletto dal popolo, e quindi di essere migliore del Presidente della Repubblica o della Corte Costituzionale. Per meglio dire, non mi stupiva tanto la sua affermazione, quanto più il fatto che nessuno la contestasse.

Il Primo Ministro, infatti, non è affatto eletto dal popolo. Neppure si chiama Presidente (come piace a Berlusconi), semmai Presidente del Consiglio, per ricordarsi che non è certo il Presidente degli Italiani, ma soltanto il Presidente del Consiglio dei Ministri, o Primo Ministro appunto.

La nostra Costituzione, che grazie al cielo Berlusconi ancora non è riuscito a cambiare così in profondità, dice che il Primo Ministro è nominato dal Presidente della Repubblica, su indicazione dei partiti eletti alle Camere. Non siamo in una Repubblica Presidenziale.

La legge elettorale è stata via via modificata per portare quanto più possibile all’elezione diretta del Primo Ministro, storcendo le indicazioni della Costituzione.

Oggi, finalmente, trovo un articolo su La Repubblica nel quale, finalmente, si dice quello che ho scritto qui sopra. C’è anche un’ottima analisi che spiega che, in fondo, i voti presi da Berlusconi non sono affatto tanti.

I rimedi alla bocciatura del Lodo Alfano

venerdì 9 ottobre 2009

Leggo che i rimedi che la maggioranza sta mettendo a punto per evitare i processi a Berlusconi nonostante la bocciatura del Lodo Alfano sono peggio del Lodo Alfano stesso.

L’ottimismo è durato poco più di un giorno.

Più alto che educato

giovedì 8 ottobre 2009

Tornando a casa dal lavoro, Caterpillar ha gettato una nuova luce sulla Melandri, facendomi scoprire che:

  • ieri, a Porta a Porta, Berlusconi ha detto alla Bindi: “ho sempre pensato che lei fosse più bella che intelligente”;
  • oggi, la Melandri replica, sostenendo che Berlusconi è “più alto che educato”;

Fantastico.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi