Scandalo protezione civile

Il punto chiave non è Guido Bertolaso.

Da un po’ di tempo avevo osservato che la Protezione Civile era diventata ormai più potente di un ministero in quanto, a differenza appunto dei ministeri, anche quelli più potenti, può spendere senza quasi limiti e senza chiedere “il permesso” a Tremonti. in più, le situazioni di emergenza da gestire stavano diventando le più disparate, ad esempio anche la preparazione del G8 che, di emergenza, secondo me non ha proprio niente. Peggio ancora, con la scusa dello stato di emergenza (che a volte scusa non è, ma penso sia stato utilizzato anche quando non necessario) i lavori hanno potuto essere assegnati anche senza appalto.

Una situazione del genere non può che essere terreno ideale per la crescita di un sistema di corruzione.

Il punto chiave, allora, non è Guido Bertolaso, che poteva o non poteva sapere, che poteva o non poteva essere direttamente coinvolto; la magistratura proverà ad appurarlo. Il punto chiave, secondo me, non sono neppure i vari arrestati, perché anche per loro, fino al termine del processo, c’è la presunzione di innocenza.

Il punto chiave penso sia il fatto che è stato permesso l’instaurarsi di una situazione del genere e che chi l’ha permesso, e parlo dell’attuale governo, non abbia valutato le probabilissime conseguenze. O forse le ha valutate, ma le ha sacrificate in cambio della possibilità di agire in fretta, sopra le righe, per ottenere risultati immediati che, altrimenti, a causa della nostra burocrazia, sarebbero stati impossibili.
Io penso che questo sacrificio sia inaccettabile; il fine, per me, non giustifica mai i mezzi. Penso che il lavoro da fare fosse colpire la burocrazia, invece di aggirarla, in modo da rendere possibile ottenere risultati senza dover forzare le regole.

1 Commento a “Scandalo protezione civile”

  1. Tommaso scrive:

    ciao,
    si sono abbastanza d’accordo, anche se non è detto che i governi precedenti non avrebbero attuato lo stesso abuso.
    E’ di questi c’è ne sono sempre troppi, in modo da ottenere sempre i risultati che si vogliono (es. questioni di fiducia in parlamento o i decreti legislativi per ogni cosa).

    Un altro problema, secondo la mia opinione, è che non si tagliano spesso i controlli, che non portano a risultati e voti (non mi sono spiegato molto bene).

    Qualche giorno fa’ il Premier voleva fare di Bertolaso un ministro, ecco ora non ci sono problemi!

    Tom


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi