A proposito del quorum

A proposito del quorum dei referendum, la mia posizione è sempre stata che chi è contrario non dovrebbe astenersi, ma andare a votare “no”.

Ricordo  che quando Craxi (mi pare fosse lui, ma ero molto piccolo) propose di andare tutti al mare invece che a votare per un referendum, si scatenò una polemica enorme.
Ora, invece, è diventato normale per tutti incitare all’astensione. Non solo tutti lo dicono senza vergognarsi, ma addirittura ci si appella al diritto di astensione anonima per giustificare il mancanto accorpamento con le amministrative.

Concordo con Luca Sofri che scrive:

L’articolo della Costituzione che sancisce l’esistenza del quorum si limita infatti a dire, a questo proposito:

La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.

Tutto qua. Il quorum è arbitro del risultato. Se i sostenitori del no se lo comprano, l’arbitro è venduto.

Dico questo nonostante mi spaventi moltissimo un referendum che porta al rischio di assegnare la maggioranza assoluta della camere ad un partito col 20% (o meno) di voti. Il premio di maggioranza, anche nella versione edulcorata ora in vigore, è una cosa molto, molto pericolosa. In questo momento penso che con un sistema maggioritario, magari a due turni, si otterrebbe qualcosa di meglio, ma devo studiare di più prima di arrivare ad una decisione.
In ogni caso, voglio ricordare che gli Italiani si erano già espressi al riguardo, sempre con un referendum, e avevano preferito il sistema maggioritario, decisione che i nostri politici hanno calpestato appena è stato possibile.

4 Commenti a “A proposito del quorum”

  1. pandasorn scrive:

    L’invito a non andare a votare è scandaloso. E lo dico a prescindere dal quesito referendario che di volta in volta viene proposto. In fondo il voto è un dovere civico e non c’è motivo per non considerare il voto referendario un non voto.
    Penso che una riscrittura dell’art 75 sarebbe necessario, solo che con questi parlamenti c’è poco da ben sperare.
    Cmq ancora di più sentendo certe prese di posizione mi chiedo dove sia la coerenza politica (addirittura c’è chi dice che si può rinviare all’anno prossimo o non farlo, bah).
    g

  2. Tommaso scrive:

    ma è vero che i voti nulli vanno poi contati per chi ha la maggioranza?

    Si bisognerebbe riguardare bene bene le differenze tra maggioritario e proprorzionale e le loro varie sfaccettature… (se hai bisogno di materiale, dovrei averne)

  3. pandasorn scrive:

    i voti nulli (e le bianche) sono sempre non considerati ai fini della determinazione dei risultati finali. Il conteggio è fatto solo sui voti validi espressi.

  4. Tommaso scrive:

    dalla Prima pagina di Internazionale del 17/04/2009

    VISTI DAGLI ALTRI

    La Lega si impone sulla data del referendum.

    Il referendum per riformare la legge elettorale in vigore
    in Italia, la cosiddetta “porcata”, non si terrà in
    coincidenza con le elezioni europee e amministrative del
    sette giugno, come chiedeva il centrosinistra. Secondo
    l’opposizione, votare lo stesso giorno avrebbe permesso di
    risparmiare circa 400 milioni di euro, che potevano essere
    utilizzati per sostenere le vittime del terremoto in
    Abruzzo. Ma la Lega nord si è opposta con forza e,
    minacciando la crisi di governo, è riuscita a convincere il
    premier Silvio Berlusconi a tenere separate le due
    votazioni. La posizione della Lega deriva da un semplice
    calcolo politico: il partito pensa che votando
    separatamente per il referendum sia più difficile
    raggiungere il quorum necessario per approvare la nuova
    legge elettorale, che sarebbe meno federalista, e quindi
    contraria ai suoi interessi.

    El País, Spagna

    http://www.elpais.com/articulo.....int_13/Tes


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi