Archivio di febbraio 2009

Aggiornamento

martedì 24 febbraio 2009

Giusto per dire che sono ancora vivo, nonostante il PD.

Di Soru e PD

martedì 17 febbraio 2009

La prima cosa che mi aveva colpito dei dati delle elezioni sarde, quando ancora c’erano poche centinaia di sezioni scrutinate e il risultato era ancora in bilico, è stato il “voto disgiunto”, cioè il fatto che in molti avevano votato Soru, ma si erano rifiutati di votare uno dei partiti che lo sosteneva.
Oggi leggo su Repubblica che lo scarto tra i voti a Soru e i voti ai partiti della coalizione sarebbe addirittura del 5%. Un dato che mi sembra enorme.

In sostanza, il personaggio Soru non ne esce poi così male. Chi ne esce veramente a pezzi, e c’era da aspettarselo, è il PD.
Non dirò nulla sulle dimissioni di Veltroni, perché non so veramente cosa dire. Per ora.

Eluana e Ratzinger

giovedì 12 febbraio 2009

Biani su Eluana

Grazie a Mauro Biani per questa vignetta, che ho tenuto in evidenza da quando è stata pubblicata e che oggi condivido.

Grazie a Daniele Luttazzi perché nel suo blog ci ricorda cosa sia la pietà cristiana, riportando le parole di quello che oggi è Papa e che in tempi non sospetti ha parlato con grande equilibrio e in modo molto diverso da oggi, purtroppo.
Mentre ascolto Annozero in televisione, e un Formigoni personalmente inascoltabile, questo aiuta a riportare un po’ di equilibrio:

“L’interruzione di procedure mediche dolorose, pericolose, straordinarie o sproporzionate rispetto ai risultati ottenuti può essere legittima. Si rinuncia all’accanimento terapeutico.
Non si vuole così procurare la morte: si accetta di non poterla impedire.

Le decisioni spettano al paziente, se ne ha la competenza e la capacità, o altrimenti a coloro che ne hanno legalmente diritto, rispettando sempre la ragionevole volontà e gli interessi legittimi del paziente.”

Cardinal Joseph Ratzinger, catechismo della Chiesa cattolica, 1994, par. 2278.

Libertà di parola in rete

sabato 7 febbraio 2009

Nel bel mezzo del polverone di Eluana – polverone che mi fa sentire un macigno nello stomaco e sul quale varrebbe la pena spendere fiumi di parole, se solo ne avessi la forza – viene approvato il decreto sicurezza.

Nel bel mezzo del decreto sicurezza – tra mille altre norme varie da far rabbrividire e sulle quali varrebbe la pena spendere, non dico fiumi, ma almeno torrenti di parole – è insidiata una norma che, di fatto, consegna al Ministero dell’Interno la facoltà di decidere, a sua discrezione, di oscurare un sito che si macchi della copa di apologia o istigazione a delinquere (come potrebbe essere, temo, parlare di scaricare una canzone o una puntata di Lost).
Si estendono a queste categorie le stesse modalità di censura che erano riservate alla pedopornografia. Già allora, quando erano state approvate tali modalità per i siti con contenuto pedopornografico, in molti avevano messo in guardia contro il rischio che, una volta introdotta una norma per un tema molto sensibile, si riuscisse poi ad estenderla anche ad altri temi che, invece, meriterebbero approcci decisamente diversi.

Sto meditando di chiudere questo blog. Troppo pericoloso.

Giornatina

venerdì 6 febbraio 2009

Ieri è stata proprio una giornatina coi fiocchi.

Prima, 8 ore di lavoro senza tregua perché sono sommerso di richieste. A seguire, più di 6 ore di lavoro alla tesi.

Arrivo a casa verso le 5, inganno il tempo facendo altro fino alle 6, poi parto e incontro subito uno scoglio imsormontabile: un passaggio che non torna e che non voglio certo scrivere se non ne sono sicuro.
Fino alle 9 sbatto la testa conto ogni muro, approfondisco, capisco sempre di più, ma non vedo la risposta; tra le 9 e le 9.10 riesco finalmente a mettere tutto in fila e vado contento a prepararmi la cena.
Si ricomincia poi verso le 10 e scrivo tutto quello che ho messo a punto prima di cena: 5 pagine densissime di concetti e formule varie.

All’una e mezza inizio a spegnere il portatile. Sveglia alle sette e cinque.
Sono cotto.