Archivio di luglio 2008

Riccardo Riccò confessa

mercoledì 30 luglio 2008

Riccardo Riccò

Su Riccardo Riccò che confessa di aver usato l’Epo (o CERA, o quello che è) dice già abbastanza .mau.

I marcatori erano già aggiunti da tempo anche nell’Epo, ma quasi nessuno era mai stato individuato. Anche io mi chiedo come mai solo qualcuno sia stato colto in flagrante (non che questo renda meno grave il fatto di aver barato).

Si parte

mercoledì 30 luglio 2008

Questa sera ultimi preparativi. Domani tutto di corsa.

Venerdì mattina presto si parte, per Lipari.

Ryanair e Bossi

domenica 27 luglio 2008

Ryanair e Bossi

Lo spot della Ryanair che riprende il dito medio di Bossi è indubbiamente di cattivo gusto. Tuttavia, mi pare decisamente più di cattivo gusto il dito medio stesso.

La Lega, dicendo che il comportamento della Ryanair è incompatibile con l’utilizzo dei nostri aereoporti, mi pare si contraddica.
Considerando che la Ryanair ha semplicemente riportato il gesto di altri, si potrebbe dedurre che la Lega pensi che anche quel gesto sia incompatibile con l’italianità. Ed è qui la contraddizione.

Tutto questo senza considerare che la Ryanair, così come tutte le altre compagnie aeree, ha tutto il diritto di protestare contro il comportamento del Governo nei confronti di Alitalia, comportamento che penalizza la concorrenza. Non per niente, se ne occupa la commissione europea.

Ancora parodia dell’iPhone

giovedì 24 luglio 2008

parodia spot iPhone

Dopo la parodia sull’iPhone precedentemente pubblicata, eccone un’altra.

Si prende in giro lo spot trasmesso anche in Italia, elencando alcune clamorose mancanze dell’iPhone. L’unica sulla quale non concordo è quella degli MMS: li trovo totalmente inutili.

Di seguito il video (via theapplelounge) (altro…)

Tramonto a Pianoro

lunedì 21 luglio 2008

Questa sera dalla finestra di casa.

tramonto-1tramonto-2

Parodia iPhone

lunedì 21 luglio 2008

Parodia iPhone

Divertente parodia sul costo dell’iPhone.

Per godersela, occorre conoscere un po’ l’Inglese. Il video è nel seguito del post, o cliccando sull’immagine in alto. (altro…)

Brunetta e tagli agli statali

domenica 20 luglio 2008

Della storia dei tagli agli stipendi statali e delle visite fiscali, c’è una cosa che non capisco.

Da una parte protestano dicendo che sono tutte misure già previste (premi solo ai meritevoli, visite fiscali dal primo giorno, etc.).

Dall’altra minacciano scioperi in quantità.

Ma se era tutto già previsto, perché adesso si sciopera contro?

Le impronte digitali

giovedì 17 luglio 2008

L’altra notizia che voglio commentare è quella della schedatura delle impronte digitali di tutti gli Italiani a partire dal 2010. Ne parla benissimo Punto Informatico in un articolo che consiglio vivamente.

I problemi sono molteplici. A partire dalla limitazione della nostra libertà individuale, fino ad arrivare ai concreti rischi di falsificazione: l’articolo spiega molto bene quanto sia facile falsificare e disseminare ovunque impronte altrui.
Per non parlare del rischio che da un database centralizzato possano essere rubate le proprie impronte digitali e vedersi così impossibilitati ad una varietà di servizi.

Il rischio è forte, così come la tentazione di ascoltare le parole di Ghandi. Nel seguito, il video di Ghandi. (altro…)

Riccardo Riccò positivo

giovedì 17 luglio 2008

Riccardo Riccò

Non so come prendere la notizia che Riccardo Riccò è stato trovato positivo al Tour de France.
Pare abbia utilizzato una sostanza di ultima generazione che allunga l’effetto dell’epo.

Riccò non mi è mai stato simpatico. Dopo Pantani, mi ero appassionato solo di Ivan Basso e, quando è stato fatto fuori lui, avevo deciso di non farmi più entusiasmare da altri ciclisti.
Al Giro proprio non lo sopportavo per la sua arroganza, il suo sentirsi il più forte (salvo poi non riuscire a vincere), il suo rinfacciarlo a tutti, le sue critiche gratuite agli avversari, il suo paragonarsi al Pirata.
Al Tour, complici alcune vittorie esaltanti, stavo quasi per accettarlo e provare a considerare il suo carattere con più ironia.

Non so sia giusto, in questo caso, gridare al solito complotto. Forse un po’ di complotto c’è, perché Riccò è un ciclista che non sta antipatico solo a me, ma anche a tutti i suoi colleghi. Inoltre, stava diventando un personaggio scomodo e troppo vincente.

Tuttavia, la verità è che questa è proprio l’ennesima pessima figura del ciclismo in generale, del ciclismo italiano in particolare.

Tra l’altro, è una situazione diversa rispetto ad altre del passato (ad esempio il caso di Ivan Basso), perché questa volta il ciclista è sospeso in seguito ad una positività accertata (anche se mi risulta sia ancora da confermare); altri corridori, invece, sono stati sospesi sulla base di una sospetta positività.
Nel caso di Ivan Basso, ad esempio, la squalifica è stata di 2 anni e la sospensione immediata e l’unica cosa che è stata appurata mi risulta sia che il ciclista aveva pronta una sacca del suo sangue per una autoemotrasfusione. Ma non mi pare sia mai stato provato che sia stata effettivamente utilizzata.

L’arresto di Del Turco

lunedì 14 luglio 2008

Del Turco e  parte dei suoi uomini al governo della regione Abruzzo sono stati arrestati. La notizia è ovunque (es: La Repubblica).

Il fatto che Berlusconi critichi la magistratura anche ora che attacca politici di Sinistra (del PD, nello specifico) non è un buon segno e non lo deve certo far apparire nel giusto.

Non mi pare un buon segno neppure il fatto che Veltroni parli di “piena fiducia nella magistratura”. Dopo una campagna elettorale nel segno della “purezza” dei candidati, ora servono prese di posizione più forti. Serve dire chiaro che i corrotti devono stare fuori dal PD, ed agire di conseguenza. Serve dire che anche i sospetti corrotti devono stare fuori dal PD: potranno poi riprendere la loro carriera politica quando i processi saranno finiti; io preferisco votare qualcuno che non ha processi gravi in corso, grazie.

Capisco la volontà di essere, o almeno di sembrare, un partito capace di governare e non solo un insieme di persone rissose. Tuttavia, non capisco proprio questa indifferenza al sentire della gente che è disgustata da quello che sta succedendo. Mi riferisco alla polemica tra Di Pietro e Veltroni.
Veltroni, fa’ qualcosa di sinistra!

Aggiungo, poi, l’osservazione che anche questa volta le prove sono costituite anche dalle intercettazioni, che qualcuno vuole abolire.