Soldati nelle città

Quella di utilizzare i soldati per mantenere l’ordine pubblico nelle principali città mi pare un’idea pessima.

Potevo capirlo per esigenze speciali e particolarissime, come garantire che non ci siano infiltrazioni di camorra nella gestione dell’emergenza rifiuti a Napoli.
Ma decidere che per un anno tutte le città più grosse sono in stato di emergenza coi soldati a pattugliare le vie è semplicemente assurdo.

Mi ricorda troppo, come poi altre recenti idee del governo, una dittatura.

1 Commento a “Soldati nelle città”

  1. Angelo scrive:

    Peggio ancora: è un atto la cui intelligenza è paragonabile a quella di chi vorrebbe usare una sega elettrica per farsi un panino:
    cosa farà il carrista di fronte ai rapinatori, sparerà col cannone da 120 mm all’auto in fuga nel centro di Milano?
    O il bersagliere di fronte al taccheggiatore: userà’ l’AR70 a raffica nel centro commerciale?
    E se il carrista non può usare il cannone e il bersagliere il fucile che ci stanno a fare? Non sarebbe meglio che facessero il loro dovere lasciando ai ( troppi relativamente alla media dei paesi occidentali ) poliziotti il modo di fare il loro?


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi