Archivio di marzo 2008

Concerto Nannini a Bologna

martedì 25 marzo 2008

Gran bel concerto.
Mi ha convinto ad andarci un’amica, ho studiato Gianna Nannini per un paio di settimane, ma ne è valsa la pena.

Mi ha colpito moltissimo la sua incredibile carica.

Alcune foto che voglio condividere sono qui sotto, altre sono in questa galleria: link

IMG_6367_2.jpg
IMG_6386.jpgIMG_6392_2

Fuori per Pasqua

mercoledì 19 marzo 2008

O meglio, poco prima.

Si parte per la Toscana, si torna sabato sera. Destinazione Barbiana, la scuola di Don Milani.

Le condanne di Ciarrapico

domenica 16 marzo 2008

Due post più sotto parlavo della difesa di Ciarrapico fatta da Feltri su Libero.

Parlandone con alcuni amici è venuto fuori che, a parte i trascorsi fascisti dei quali tutti parlano, Ciarrapico è anche stato condannato varie volte in via definitiva. Su Wikipedia (link) ho trovato riferimenti a condanne per bancarotta fraudolenta e finanziamento illecito ai partiti, ma pare, cercando in internet, che ci siano in giro molte altre condanne non definitive.

Ci sono tre cose in particolare che mi fanno riflettere.

La prima è che questa precisazione l’ho avuta da un mio amico prete, quindi forse non proprio tutta la Chiesa sta con Berlusconi, e questa è una buona notizia.

La seconda è che non capisco perché i giornali insistono tanto sul problema fascista, ma così poco sul resto. Non aveva forse detto Berlusconi che non avrebbe candidato persone con condanne definitive? O rientrano forse queste nelle eccezioni politiche delle quali parlava? E perché Veltroni non dice nulla al riguardo?

La terza è che una delle condanne definitive di Ciarrapico è per una questione, il Banco Ambrosiano di Calvi (link al Corriere), nella quale era pesantemente coinvolta la P2.

Mi fa senso in particolar modo quanto riportato su Wikipedia, e cioè che Ciarrapico ha sempre evitato di risarcire i danni civili legati alle sue condanne, cambiando continuamente residenza.
[tags]ciarrapico[/tags]

Giulietta e Romeo

giovedì 13 marzo 2008

Giulietta e Romeo

Sabato pomeriggio sono andato a vedere il nuovo musical con musiche di Cocciante, Giulietta e Romeo.

I biglietti, tra l’altro costosissimi, mi sono stati regalati da un ex-collega che a sua volta li ha vinti con Il Resto del Carlino. Ringrazio entrambi, anche perché erano posti splendidi: prima fila in tribuna centrale.

Il musical mi è piaciuto molto ed era molto intenso dal punto di vista canoro: un tempo trascorso bene e con soddisfazione. In questi casi mi piace però trovare le note negative.

Mi è sembrato troppo lo spazio dato al canto e troppo poco quello dato al ballo; soprattutto mi sono mancate le coreografie spettacolari e acrobatiche alle quali ci aveva abituato Notredame de Paris. Non sarebbe guastato che le scene di lotta tra i due clan fossero un po’ più movimentate.
Le scenografie erano bellissime, ma un po’ troppo finte ed elettroniche. Capisco la scelta, che ha permesso di ottenere effetti stupendi nel poco spazio di un palco, ma alcune scelte sono veramente discutibili, come gli angeli animati in 3 dimensioni che lanciano fiori finti sui due giovani appena sposati.

Detto questo, ribadisco che nel complesso il giudizio è buono. E tornato a casa avevo voglia di riguardarmi il DVD di Notredame de Paris.
[tags]giulietta e romeo[/tags]

Ciarrapico e Feltri

giovedì 13 marzo 2008

Due parole sulla vicenda Ciarrapico e su un editoriale di Feltri sul giornale Libero di qualche giorno fa, sentito alla rassegna stampa di Radio 3.

In estrema sintesi, ho inteso che Feltri paragonasse i crimini fascisti ai crimini comunisti, sostenendo quindi che se si possono candidare i comunisti, lo possono fare anche i fascisti.

Volendo anche accettare che i crimini comunisti nel mondo siano paragonabili a quelli fascisti, sostengo comunque che la tesi di Feltri è un falso sillogismo, un tentativo di dare una visione distorta della realtà che, francamente, mi offende. E offende l’intelligenza delle persone.

In Italia, è noto, l’apologia del fascismo costituisce un reato (Wikipedia), mentre l’apologia del comunismo no, e il motivo mi sembra molto semplice: i crimini comunisti non sono stati in Italia (se non, forse, qualcosa di marginale), ma sono stati in altre parti del mondo, come la Russia; il fascismo, invece, si è macchiato anche in Italia di crimini abominevoli, come le leggi razziali.

In Italia il fascismo è fuorilegge, ma non lo è il comunismo, così come non lo è il nazismo o l’integralismo islamico. Perciò, l’analogia di Feltri non regge.
[tags]ciarrapico[/tags]

ADSL a casa

giovedì 6 marzo 2008

Funziona!!!

Aggiornamento: la sera prima non andava, la mattina dopo andava e ho postato, poi la sera di nuovo non andava. Ora sono a Ferrara e non so cosa stia capitando

Aggiornamento 2: sono tornato a casa e funziona. Ora I feel home.

The Constant

sabato 1 marzo 2008

Nota: i link non sono da cliccare a meno che uno sappia cosa sta succedendo nella quarta serie

Pare proprio che l’ultimo episodio di Lost trasmesso negli Stati Uniti sia stata FE-NO-ME-NA-LE, dicono qui.
La raccolta di risposte ai vari misteri, poi, oggi si è di molto allungata.
[tags]lost[/tags]


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi