Archivio di settembre 2005

Sistema di controllo globale firmato USA

giovedì 29 settembre 2005

Il caro Echelon sta per andare in pensione.
Leggo oggi su PI che l’amministrazione americana sta valutando l’introduzione di alcune norme che, sinceramente, mi preoccupano molto.
Tecnicamente, si vorrebbe creare, in nome della sicurezza, un canale privilegiato che consenta alla FBI di controllare le telefonate su internet, le email cifrate e qualunque tipo di comunicazione, come avviene con le intercettazioni telefoniche.
Alla FBI o agli americani in generale?
In termini piu’ semplici, vuol dire che ci saranno sistemi (noti a chi? chi ci controllera’?) per ascoltare le telefonate su Skype di chiunque. O per intercettare il contenuto delle email di chiunque, anche se cifrate.
Lo trovo spaventoso. Una legge nazionale (USA) che impone un sistema di controllo in tutto il mondo e che lo tiene per se’ mi fa paura e mi aspetto che le altre nazioni, in primis l’Europa, non siano disposte ad accettare un tale genere di controllo da parte di una potenza straniera.
Ancora peggio, l’idea stessa di rinunciare alla propria liberta’ personale in nome di una sicurezza che certo non puo’ essere raggiunta con leggi di questo tipo.
Io credo (e non sono il solo) che faccia molto comodo alimentare la paura nella gente, per convincerla a sopportare limitazioni di liberta’ che in altri tempi sarebbero semplicemente impensabili.

Questa e’ la differenza tra OpenSource/FreeSoftware e programmi commerciali gratuiti. Forse Skype sara’ anche gratuito, ma non e’ OpenSource: fino a che il codice sorgente rimarra’ segreto, nessuno potra’ mai essere sicuro fino in fondo di cosa succede mentre si telefona, o se qualcuno ci sta ascoltando.

Equilibri e priorità

domenica 25 settembre 2005

Da un certo punto di vista, sono estremamente contento di come è andato questo week-end e delle cose che sono successe.
Il punto chiave è che sono riuscito ad allontanarmi di un passo dal turbinio che mi aveva coinvolto negli ultimi mesi e che mi impediva di fermarmi anche solo per respirare. Sono riuscito a intravedere di nuovo me stesso e mi sono reimpadronito di quelle che erano, e sono, le mie priorità.
Ho ritirato fuori da quel punto del cervello dove si era nascosta la consapevolezza di cosa conta realmente per me e cosa voglio nella mia vita, e non è poco. Certo, mica pretendo di avere già adesso la risposta giusta e definitiva, ma almeno un’idea di dove vorrei che i prossimi piccoli passi mi conducessero ce l’ho.
Il difficile, sarà riuscire a rimettere quelle cose che ho perso nelle mie giornate, riuscire a trovare un nuovo equilibrio. Ancora più difficile sarà ricordarsene spesso ed evitare di essere sempre e solo in preda al flusso frenetico degli eventi.

La parte triste di questo week-end è stato rendersi conto che molte cose importanti le ho perse, o ho scelto di rinunciarvi, o le decisioni di altri mi hanno portato a non averle più, o non sarà comunque facile farle convivere con l’impatto nel mondo del lavoro.
Ad esempio, mentre alcuni amici erano a discutere del futuro di una cosa che fino al giorno prima era anche mia, io ero altrove e non potevo fare altrimenti.

Fa male. Ma al tempo stesso, il dolore dona voglia di lottare.

Lost

sabato 24 settembre 2005

Sono finalmente riuscito a vedere i primi due episodi di Lost.
Ho un assoluto bisogno di passare ai successivi… consigli?

Internet in UK

domenica 18 settembre 2005

Oggi e’ un gran giorno.
Finalmente dispongo di un computer vergine e collegato ad internet nella casa in cui dormo in Inghilterra.
Mi sento un po’ piu’ a casa e diventa piu’ facile rimanere in contatto con l’Italia.

Scazzi

domenica 11 settembre 2005

Domani, quasi sicuramente, si parte.
Oggi è una giornata in cui mi sento vuoto e inutile, mentre tutto intorno è tinto color malinconia. Senza un motivo apparente, solo perché è così.
Non ho voglia.

Nuova Punto

martedì 6 settembre 2005

fiat punto
La nuova Punto è stata presentata. Per gli amici è nota come la “Grande Punto” (non “Grande Puffo”) o anche “Punto G”, come simpaticamente ironizzano Magenta & Woland.
Sarebbe carino rispolverare un po’ di orgoglio italiano ed andarne orgogliosi, ecco. Vabbè, forse non ci ricordiamo neanche più cosa sia, ma mi sembra di ricordare che eravamo orgogliosi della prima Punto e di quanto aveva venduto all’estero.
Chissà se ce la faranno a tornare lì.

Beppe Grillo

martedì 6 settembre 2005

Forse dovrei scrivere qualcosa anche io sulla questione Beppe Grillo.
Non ne ho però la minima voglia. Mi sembra, tra l’altro, una discussione un po’ troppo vuota, se il suo è un blog, se non lo è, se comprare una pagina su Repubblica coi soldi dei lettori è democrazia diretta, se non lo è.
Mi sembra tutto così assurdo che neppure metto i link di riferimento alla discussione. Se proprio, lasciamo che ci pensi Technorati.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "OK, accetto" permetti il loro utilizzo. Puoi trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla privacy.

Chiudi